mercoledì 31 luglio 2013

Involtini di peperone



Buoni, facili da preparare ed ottimi per un menù estivo.

Ingredienti:
2/ 3 peperoni
pasta di acciughe L'Isola d'Oro 
olio Condisano Dante 


Pulite i peperoni e fateli cuocere interi in forno a 200° per 40 m.
Tiepidi privateli della pelle e tagliateli a strisce.
Su ogni striscia adagiate una fetta di formaggio ed un po' di pasta di acciughe. Richiude il peperone ad involtino e conditelo con un filo di olio. 
Sentirete che buoni.....















martedì 23 luglio 2013

Slow gelato



Uno studio promosso da Antica Gelateria del Corso, realizzato attraverso la raccolta di dati e ricerche, e affiancato da un monitoraggio online mediante metodologia WOA (Web Opinion Analysis) sui principali social network – Facebook, Twitter, YouTube – blog e community interattive, (coinvolgendo circa 1300 utenti tra i 25 e i 55 anni al fine di ricostruire uno scenario sulle nuove abitudini di consumo degli italiani relativo al gelato soprattutto in rapporto alle eccellenze gastronomiche italiane ) ha fatto emergere che, se è vero che il gelato è uno dei prodotti simbolo del Belpaese, oggi gli italiani scelgono esclusivamente sapori caratteristici di un territorio,come nocciola, limone e pistacchio, di sicura provenienza. 
Arriva quindi l’era dello “Slow gelato”il nuovo modo di scegliere il gelato, amato da tutti gli abitanti dello Stivale perché realizzato con materie prime italiane (31%),capace di trasmettere benessere (24%)e di far rivivere sensazioni piacevoli. Il 94% degli italiani ritieneil gelato l’alimento estivo per eccellenza(fonte AIDEPI 2013), un rito da consumare durante una passeggiata (33%), comodamente seduti all’aria aperta (25%), o intenti ad ammirare un paesaggio o un panorama (19%). Con lo Slow gelato, il gelato diventa quindi sinonimo di un momento di gusto e di piacere da condividere con gli amici o con il partner, fuori e dentro casa.
Cosa rappresenta per gli italiani mangiare un gelato? 
Per oltre la metà (53%) rappresenta un rito, tipico della bella stagione. Secondo altri è un prodotto capace di trasmettere benessere e tranquillità (49%), ambasciatore del gusto italiano attraverso le sue tipicità (38%). Per alcuni (31%) rappresenta un dessert che può essere consumato in qualsiasi periodo dell’anno. Cosa ricercano gli italiani quando assaporano un gelato? 
Principalmente gustirinfrescanti e con un forte legame con il territorio d’appartenenza (31%).
Da questo si evince una nuova maniera di scegliere il gelato, un bisogno non più dettato solo dalla necessità di consumare qualcosa di fresco (22%) e che abbia un buon sapore (17%). Una tendenza che è possibile codificare attraverso il termine “Slow gelato”, un nuovo modo di intendere il consumo del prodotto simbolo dell’estate,capace di far ritrovare benessere psicofisico sposando uno stile di vita più “slow”, legato alla valorizzazione del territorio e delle sue specialità.La filosofia e il pensare “slow” è volto a promuovere l'interesse legato al cibo come portatore di piacere, cultura, tradizioni, identità.
Il concetto di Slow gelato comprende una nuova modalità di  consumo, più attenta e consapevole. 
“Possiamo parlare di Slow gelato in quanto sempre più italiani oggi ricercano gusti di sicura provenienza e legati al Made in Italy, oltre che più rinfrescanti dal punto di vista metabolico –afferma la psicologa esperta d’alimentazione Emanuela Scanu – Un buon gelato, realizzato con gusti legati alla storia e alle tradizioni di alcune aree geografiche, può dare benessere a livello psicologico, legato alla complessa sfera di sentimenti, ricordi e implicazioni identitarie derivanti dal valore affettivo di un certo gusto. Nella ricerca delle materie prime, ci sono gusti appositamente studiati, in quanto la combinazione di alcuni sapori risulta capace di stimolare delle particolari aree del piacere. Oggi poi, è curioso notare l’apertura a nuovi sapori e gusti particolari come basilico, prezzemolo, ortaggi. Anche questo può risultare appagante dal punto di vista psicologico”.
Il 94% degli italiani  ritiene il gelato l’alimento estivo per eccellenza (fonte AIDEPI 2013). 

Dove preferiscono gli italiani consumare il gelato? 
La maggioranza (38%) all’aperto in compagnia di amici. Altri al mare (33%), luogo estivo per eccellenza.Come gli italiani amano solitamente godersi il gelato? Principalmente mentre sono intenti a fare una passeggiata (33%), oppure comodamente seduti all’aria aperta (25%), o mentre ammirano un paesaggio o un panorama (19%). «Godersi un bel tramonto estivo in buona compagnia gustandosi un buon gelato è uno dei momenti che non può mancare nel corso delle mie vacanze estive» e «il gelato, ovunque lo consumi, ti trasmette una sensazione di relax e benessere» sono alcuni dei commenti da parte degli amanti del gelato che si leggono su diversi blog e social network.

Per quanto riguarda il consumo di gelato, un altro aspetto molto importante è quello nutrizionale. All’interno dell’alimentazione estiva, il gelato è considerato parte integrante della propria dieta e costituisce un vero e proprio pasto, sostituendosi agli alimenti più tradizionali del pranzo o della cena, anche in situazioni di regimi alimentari controllati o dietetici. L’81% degli italiani lo considera un alimento ideale anchenell’alimentazione dei bambini e delle persone anziane, proprio per la sua facile digeribilità e le sue proprietà energetiche.

Con lo Slow gelato cambia il concetto di gusto, inteso non più come qualcosa capace solamente di soddisfare il palato.Per gusto gli italiani intendono il provare sapori unici, caratteristici di una località (33%), capaci di far rivivere atmosfere e sensazioni tipiche di una certa realtà (26%). Quali sono i gusti legati al territorio preferiti dagli italiani?Ai primi posti troviamo il pistacchio di Bronte (65%), la panna fresca prodotta con il latte di montagna (58%),la nocciola del Piemonte (53%), il limone di Sicilia (49%).
  


DECALOGO SLOW GELATO
Toglietemi tutto, ma non il gelato:Consumare il gelato,simbolo dell’estate, rappresenta un rito irrinunciabile per milioni di italiani.
Premessa per un buon gelato: Un buon gelato deve essere realizzato con latte fresco di produzione locale.
Cambia il consumatore, non ilconsumo:Con lo Slow gelato si intende un nuovo modo da parte del consumatore di intendere il gustare un gelato, più attento e consapevole
Ambasciatore Made in Italy:Gustarsi un gelato di qualità significa apprezzare le materie prime italiane.
Mens sana…con gelato sano:Un buon gelato non solo rinfresca, ma riesce a trasmetteretranquillità e benessere.
Gelato universale:Il gelato è sinonimo di piacereche è possibile condividere con gli amici o con il partner, fuori e dentro casa.
Non è estate senza gelato:Il gelato è un rito che rimanda a piacevoli sensazioni, tipiche del periodo estivo.
Gelato…come un pasto:il gelato, consumato in maniera consapevole, può costituire un vero e proprio pasto, sostituendosi agli alimenti più tradizionali del pranzo o della cena, anche in situazioni di regimi alimentari controllati o dietetici.
L’efficacia del gelato:Godersi un gelato mentre si ammira un panorama o durante una passeggiata può aumentare il senso di serenità e pace interiore.
Il gelato e l’effetto “Madeleine”:Gli ingredienti tipici e legati al territorio presenti in un gelato permettono di rievocare località lontane, ricordi e sensazioni passate.



E voi cosa ne pensate !




*c.s.


Pizza di pane raffermo



Come riciclare il pane duro? Semplice, facciamo una pizza !
Le tradizioni contadine di un tempo riemergono sempre più prepotentemente sulle nostre tavole e ci insegnano ancora.

Ingredienti:
pane raffermo
100 g di formaggio GranMoravia Brazzale 
pomodorini
origano
sale
acciughe L'Isola d'Oro


Ammollate il pane nell'acqua, strizzatelo bene, unitevi il formaggio ed usatelo come base per la pizza. 



Vi suggerisco di rivestire una teglia con carta forno.
Decorate la vostra pizza con pomodorini conditi, origano, olio e mettete tutto in forno a 200° per 40 m.
Il pane ne deve uscire bello croccante. Potete, poi, aggiungere alla vostra pizza quello che volete, io ho aggiunto le acciughe....
Fatemi sapere se vi è piaciuta la pizza !












martedì 16 luglio 2013

Frollini alla crema di nocciole



Biscotti veloci da realizzare e che rimangono morbidi per parecchi giorni (se ce la fate a non mangiarli tutti subito!)

Ingredienti:
200 g di burro morbido
80 g di zucchero a velo S. Martino 
240 g di farina
80 g. di fecola oppure frumina
un pizzico di lievito per dolci
per farcire:
crema di nocciole 
zucchero a velo q.b.
Preparate la frolla amalgamando tutti gli ingredienti.
Poi stendetela e ricavate con uno stampino tanti cerchi ed i corrispondenti forati al centro.
Infornate per 25 m a 180°.
Sfornati i frollini, quelli forati spolverizzateli subito con tanto zucchero a velo, quelli tondi spalmateli con la crema di nocciole. Ricomponete i biscotti e voilà i vostri "occhi di bue"







martedì 9 luglio 2013

Torta Tulipano



Con uno stampo Silikomart così non potevo non cedere alla tentazione di sfornare una torta un po'...artistica.


Semplici gli ingredienti:

230 g di farina
220 g di burro
200  di zucchero
4 uova
50 g di cacao
lievito per dolci
zucchero a velo S.Martino q.b. 

Lavorate burro e zucchero, unite le uova, la farina ed il lievito.
Prendete 6/7 cucchiai di questo impasto ed unitelo al cacao. Poi versatelo solo nei tulipani dello stampo
e ricoprite il tutto con l'impasto rimanente.
Cuocete in forno a 180° per 30 m. 

Sfornato il dolce ricopritelo con zucchero a velo.






giovedì 4 luglio 2013

Pittuliddri



Fiori di zucca e zucchine in questo periodo, fortunatamente, abbondano nelle nostre cucine.
Io li preparo una sera si e l'altra pure facendoli a "pittuliddri", che nel mio dialetto significa piccole frittelline.

Ingredienti:
10 fiori di zucca
2 zucchine
3 filetti di acciughe L'Isola D'Oro 
3 cucchiai di farina
2 cucchiai di formaggio GranMoravia Brazzale 
qualche foglia di basilico
acqua gassata q.b.
sale


Puliti i fiori di zucca e tagliateli grossolanamente, le zucchine grattugiatele grossolanamente. Mettete tutto in una ciotola, unitevi il basilico anch'esso tagliato ed aggiungetevi farina ed acqua fino ad ottenere una pastella leggermente fluida.

Aggiungetevi le acciughe, il formaggio,aggiustate di sale e friggetele in abbondante olio. 



Vi garantisco che non ne rimarrà neanche una....